Tradizione, mito, storia. La cultura politica della destra by Francesco Germinario

By Francesco Germinario

Show description

Read or Download Tradizione, mito, storia. La cultura politica della destra radicale e i suoi teorici PDF

Similar italian books

Extra info for Tradizione, mito, storia. La cultura politica della destra radicale e i suoi teorici

Example text

Germinario, zooia, pp. ), con argomenti che puntualmente non avrebbe esitato a ribadire nel secondo dopoguerra, quasi a voler richiamare la destra estrema al rigoroso rispetto dei principi (cfr. Evola, i949d, in ioo3a, pp. , 200ia, p. 52). In una memoria presentata al tribunale che lo processava per avere partecipato ai Fasci d'azione rivoluzionaria (FAR), un gruppo clandestino accusato di atti terroristici, Evola osservava di non avere «mai incitato a formazione di partiti - io nego il concetto stesso di partito» (Evola, 1951, in 2ooib, p.

In ogni caso, per il peso preponderante che il ricorso alla violenza aveva avuto nella militanza complessiva (cfr. per tutti Reichardt, zoo9), il primo momento, forzato in chiave attivistica e movimentista, aveva prevalso spesso sul secondo, o comunque lo aveva orientato; il che aveva significato pur sempre che un'esperienza coinvolgente e totalizzante, qual era quella della pratica della violenza, si candidava alla soppressione dellapolitique politicienne. Viene da osservare che l'enorme dibattito sul totalitarismo ha spesso corso il rischio di annullare le differenze sostanziali fra i vari regimi totalitari, riducendo la categoria medesima di "totalitarismo" alla notte in cui tutte le vacche sono nere.

30-2- TRADIZIONE M I T O STORIA che era trascendente, la Tradizione, per rimanere tale doveva evitare dal tradursi nel prosaico lessico della Storia, allora la prospettiva era quella di cautelarsi da quest'ultima, rifugiandosi nel minoritarismo. Una teoria politica senza soggetto rivoluzionario La centralità ricoperta dalla categoria di "Tradizione" rimanda a un problema storiografico quasi sempre passato inosservato. Il limite più importante del radicalismo di destra del secondo dopoguerra, quello che lo ha condannato a svolgere una funzione nel complesso minoritaria, è consistito nella difficoltà, se non nel rifiuto, di reperire il soggetto storico da mobilitare e valorizzare nella lotta politica.

Download PDF sample

Rated 4.46 of 5 – based on 32 votes